lunedì 29 marzo 2010


Tutti conoscono il calendario Pirelli. Tutti sanno che ritrae le donne più belle e sexy. Tutti sanno che dietro all'obiettivo ci sono tra i più bravi e famosi fotografi del mondo. Chi si aspettava che per il calendario 2011, i cui scatti cominceranno in aprile, ci sarebbe stato anche lui, il caro vecchio Karl? Pare sia stato nominato fotografo per il nuovo calendario e che cambierà qualcosa: la spiaggia risulta essere un luogo estremamente banale per le foto di un calendario, quindi il set sarà il suo studio parigino. Cosa dovremo aspettarci?? Spero niente pellicce, nè borsette a forma di iceberg.



A Presto

M.M.

sabato 27 marzo 2010


Ordunque, ordunque. Come promesso sono andata da H&M per visualizzare i nuovi prodotti. Per quanto riguarda i miei dubbi sul biologico ed ecologico, come pensavo la seconda non è presente sulle confezioni, mentre per la prima c'è un "organic" che ci dà speranze. Le uniche parole presenti sono natural and organic, e quando vedete solo queste parole ripetete una frase da architetti: "Anche l'amianto è un materiale al 100% naturale. Diffidare per non aver problemi dopo!".
Come richiesto ho copiato INCI (non avevo dietro la macchina fotografica) e per par condicio ho preso gli ingredienti del gel doccia, così è possibile confrontarli con quelli del precedente post (spero siano giusti, li ho scritti su di un pezzo di carta, mentre altre ragazze mi guardavano incuri:

Water, Apple (Pyrus Malus) Juice*, Ammonium Lauryl Sulfate, Cocamiclopropyl Betaine, Sodium Chloride, Xanthan Gum, Coco Glicoside, Glyceryl Oleate, Citric Acid, Sodium Benzoate, Potassium Sobate, Benzoic Acid, Fragrace (Parfum)

*Ingredients from Organic Farming

98,4% of the total ingredients are from natural origin
10% of the total ingredients are from organic Farming

Natural and Organic Cosmetic certified by ECOCERT Greenlife according to ECOCERT standard avaible at

cosmetics.ecocert.com (NdR il sito in realtà dirotta poi sul sito francese dell'ECOCERT)

Made in Sweden

Come sempre per me è arabo. Noto solo due elementi che mi avevate già indicato come dannosi: "Il Sodium Laureth Sulfate è assorbito dal cervello, il cuore e il fegato, ai quali può provocare danni" e "Tutto ciò che contiene "propyl" è da evitare".

Credo che in futuro eviterò di regalare prodotti H&M alle mie cuginette...

A Presto

M.M.

giovedì 25 marzo 2010

Visti e Rivisti



Collant Bicolor American Apparel

A Presto

M.M.
Noi andiamo in tandem



1) Coppia con lo stesso giubotto, con taglio femminile e taglio maschile
2) Coppia di amiche con il medesimo giubbotto in versione corta ed in versione lunga. Non si nota ma avevano anche lo stesso taglio e i pantaloni molto simili.

A Presto

M.M.

mercoledì 24 marzo 2010


Recentemente molti blog hanno dedicato un pò di spazio ai guardaroba, probabilmente cresce l'interesse con l'avvicinarsi del cambio. Ma anche altri approfittano del favorevole periodo di rinnovo. Secondo un'indagene Ebay nei nostri armadi c'è una tale mole di vestiti inutilizzati da generare 5 miliardi di euro se venduti. Infatti, secondo tale indagine oltre 35 milioni di italiani non indossa più 1/5 del proprio guardaroba. Se giacche e jeans, più o meno, sopravvivono ai cambi di stagione e al tempo, la stessa sorte non tocca a gonne, cravatte, cappelli e altro, anche se in buono stato. I motivi? Non piacciono più, il cambio di taglia, l'acquisto di nuovi capi, non sono più di moda (ma non abbastanza vecchi da poter essere considerati vintage) e più banalmente perchè molti si dimenticano di averli! Io rientro in questa categoria. Ecco perchè quando avrò una casa mia dovrò progettare un modo che mi permetta di avere tutto in mostra ed a portata di mano. Spesso ci sono magliette buone e belle che non metto mai perchè divorate dal fondo del cassetto e mi ritrovo ad indossare sempre le stesse. E poi mi domando perchè sono stanca della stagione invernale e ho voglia di qualcosa di nuovo. Spesso basterebbe prendere, svuotare armadi e cassetti e rimettere in ordine, magari modificando la disposizione precedente, così da dare un tocco di "nuovo" a ciò che abbiamo già.


Ma questa non è l'unica notizia che ha colpito il mio interesse (in campo di moda, a fare concorrenza abbia quelle sulle mense: una a Vicenza che ha messo a pane ad acqua 9 bambini di un asilo perchè i genitori non pagavano la retta, e la seconda della protesta delle mamme milanesi per le lasagne alla cotenna di bovino) questa mattina, mentre attraversavo la città su un soffocante metro da ora di punta. Un antico detto dice che quando parli del diavolo spuntano le corna. Di recente abbiamo parlato dei cosmetici H&M. Ricordate? Questa mattina leggo un articolo redazionale (si chiamano così se non erro. Quegli articoli pagati per far pubblicità, celata diatro ad una notizia, un pò come il servizio sulla pubblicazione delle fotografie della Bellucci in cinta di ieri sera al Tg1 per Vanity Fair). Leggo della novità estremamente "green" ed estremamente "in" del marchio H&M di mettere in vendita da marzo (non mi sembra di averli ancora visti. La mia ultima incursione in un negozio risale a quando sono andata a sbirciare per Dony) prodotti biologici ed economici.
Dove sta la novità?
Nel prezzo? H&M è una catena lowcost, sarebbe strano se si mettesse a vendere prodotti da 40€ in su.
Nei prodotti bio? Come già detto nei commenti al post precedente anche in erboristeria non abbiamo la certezza del prodotto naturale. Inoltre, devo capire se sono "biologici" o "ecologici". Sostanziale differenza! Il biologico è un prodotto che segue determinate regole che non prevedono l'utilizzo di sostanza chimiche o artificiali durante la produzione e distribuzione; un prodotto ecologico, invece, ha come finalità la produzione senza danneggiare (se non in minima parte: come si dice in architettura la vera costruzione ecologica è quella che non viene costruita) l'ambiente e l'ecosistema. Quindi prima dovrò capire questa cosa prima di dare un giudizio.
La novità sta nella certificazione. Insolito per questi tipi di prodotto venduti nei negozi non specializzati. Il certificatore in questo caso è Ecocert, organo di certificazione Francese fondato nel 1991, che non pare avere sedi in Italia, ma che monitorizza oltre 80 paesi e si attesta come uno dei maggiori certificatori europei.


Vediamo quali sono gli elementi biologici e naturali che compongono questi cosmetici: la crema corpo contiene estratti di mela e olio di semi di girasole; il doccia schiuma vitalizzante contiene estratti di mela bio; nell’esfoliante corpo troviamo invece semi di albicocca; nella crema per le mani estratti di mele e olio di mandorla e infine nel burro cacao gli ingredienti principali sono il jojoba e la cera d’api. I prodotti della nuova linea di bellezza sono disponibili in due diverse profumazioni: lampone e melone e lavanda e menta. Ok probabilmente qualcuno non sarà soddisfatto per questo bel trafiletto made ufficio commerciale H&M, quindi, poichè vorrei essere un tantino più informativa rispetto agli esempi di odierno giornalismo (non che mi reputi nè brava a scrivere, nè tanto meno una giornalista) vedrò di indagare (quando li vedo). Importante sapere che ognuno di questi prodotti è venduto in confezioni riciclabili. Oltre alle creme il marchio low cost presenta anche astucci e beauty case utili per il make up, anche questi realizzati con materiali rigorosamente naturali, come il cotone organico. Inoltre l’impegno aziendale della H&M, da quest’anno fino al 2013, è quello di aumentare del 50% l’uso del cotone organico per la realizzazione dei suoi prodotti.
Quindi anche H&M si è messo in carreggiata e segue il flusso della moda green, che a volte è utile, altre volte una fregatura.
Ma basta parole! Andiamo ai fatti. I prezzi:

  • Crema corpo € 4.90
  • Esfoliante corpo € 4.90
  • Doccia schiuma € 4.90
  • Crema mani € 3.90
  • Burro cacao € 3.90
  • Necessaire € 6.90
  • Astuccio makeup € 3.90

Beh di essere economici alla fine sono a portata di tutti.
Andrò a curiosare e vi farò sapere.

A Presto

M.M.

Questa primavera vinceranno le labbra rosse e colorate o le labbra naturali?


A Presto

M.M.

martedì 23 marzo 2010


Ecco, secondo me, Nicole Richie è un'altra che non riesce mai ad azzeccare i suoi outfit.


Già cattivo esempio in campo alimentare (si spera la maternità le abbia fatto cambiare un pò idea), si attesta anche tra le star che per me si vestono peggio e da non seguire. Recentemente aveva mostrato un pessimo gusto per il red carpet della notte degli oscar, ma riesce ancora a stupirmi con l'abito lungo della prima foto, indossato per l'innaugurazione del negozio Missone a LA, che non le dona affatto. Ma qualcuno può spiegarmi cosa fa esattamente questa ragazza? Come ha fatto a diventare famosa (non chiedo fashion icon perchè non voglio saperlo)?

A Presto

M.M.


lunedì 22 marzo 2010


Come è noto a tutti ieri è stato il primo giorno di primavera. Qualcuno l'ha vista? Se sì, sono contenta per voi. Milano si è svegliata sotto la pioggia, con un grigio cielo, di quelli omogenei che sai preannunciano una fine molto lontana per il brutto tempo. Io ringrazio il cielo perchè così sono tornata a respirare (ho passato due giorni di crisi allergica. Improvvisa e soffocante). Ma la verità è che desidero anche un pò di caldo e di cambiare i vestiti che stanno nell'armadio e nei cassetti. Non ho neppure la forza di svuotarli e metterli in ordine, lasciando il caos imperante.


Ma in realtà non volevo parlare delle mie pessime condizioni di salute nè di quelle del mio guardaroba. Volevo dedicare il post all'inizio della primavera e ai fiori. Le fashion blogger italiane hanno deciso di dare il via alla primavera (o fare una sorta di rito propiziatorio) circa un mese fa con la loro "Flower bomb". Di cosa sto parlando? Presto detto: alcuni mesi fa le blogger italiane hanno deciso di farsi notare. Bistrattate dalle nostre connazionali che guardano con maggiore interesse e adulazione le ragazze oltreconfine, dichiarando che noi italiane siamo senza speranza e non riusciamo a farci notare, hanno deciso di unirsi e di alzare la voce, di mettersi in mostra e far capire che anche noi nel nostro piccolo possiamo dire qualcosa.


Flower Bomb è un evento che ha riunito alcune delle fashion blogger sparse lungo la penisola che sono state invitate a pubblicare sui propri spazi un loro outfit floreale in data 24 febbraio. Certo la primavera era ancora lontana, ma come tutte noi sentiamo la necessità di un cambio di stagione, anche queste ragazze hanno deciso di comunicare la loro presa di posizione in modo fresco e assolutamente pacifico (un riferimento puramente casuale a fiorellini infilati nei fucili dei militari schierati in difesa del Pentagono quelche decennio fa??).
Ad organizzare tutto, da quello che ho letto e ho capito, sono state due blogger in particolare: Cécile dell'Armadio del Delitto (che qualche volta ha commentato anche qui. Grazie) e Irene di Irene’s Closet. 86 blogger hanno risposto all'invito, tra cui si fa notare la presenza di un uomo. Sui siti (di seguito elencati) sono stati postati outfit veramente originali, che in alcuni casi raccontano qualcosa delle persone che hanno deciso di manifestare apertamente e liberamente la loro passione per la moda.

http://missletitti.blogspot.com/
http://myfloorisred.blogspot.com/
http://ioleinfashion.blogspot.com
http://www.si-oux.com/
http://starbucksandchanel255.blogspot.com/
http://Mode-moi-selle.blogspot.com
http://thecupcakediary.blogspot.com
http://violacomesincolours.blogspot.com
http://tuzifashiontips.wordpress.com
http://student-flair.blogspot.com
http://fashiontrotter.blogspot.com
http://carmen5closet.blogspot.com
http://7heuresdumat.blogspot.com/
http://mixthismatchthat.blogspot.com
http://www.bibinwonderland.it/
http://eli-livinginmyshoes.blogspot.com/
http://www.jeveronique.com
http://ciarlott.blogspot.com/
http://annazigliotto.blogspot.com
http://www.guady.splinder.com
http://liliasole.blogspot.com/
http://www.ladymarianworld.blogspot.com
http://theskeletonparty.blogspot.com
http://missfefe89.blogspot.com
http://laprincipersadelforum.blogspot.com/
http://reportsofavelvetrose.blogspot.com/
http://lostiledestijl.blogspot.com/
http://alicevr.blogspot.com/
http://stefi285.blogspot.com
http://pensieriinstandby.blogspot.com
http://agonlpagliaio.blogspot.com/
http://iwannalooklikesienna.blogspot.com/
http://www.pigchic.com/
http://www.coopstyle.com
http://www.teaspoonsofme.blogspot.com/
http://chiaradeanna.blogspot.com/
http://themaidenbrunette.blogspot.com/
http://missvelvetbow.blogspot.com/
http://thechicblonde.blogspot.com
http://lidlstyle.wordpress.com
http://www.blueisinfashionthisyear.com/
http://www.nayralaise.com/
http://theminetteissue.blogspot.com/
http://thefashionforbreakfast.blogspot.com/
http://rikinablog.blogspot.com/
http://factorystyle.blogspot.com/
http://roseapois.blogspot.com/
http://www.abitoffashion.com/
http://voguette-themissinglink.blogspot.com/
http://bestofblonde.blogspot.com/
http://angelaswardrobe.blogspot.com/
http://theblondiestales.blogspot.com/
http://simpleglamourgirl.blogspot.com/
http://samuelepaladini.blogspot.com/
http://bbby.wordpress.com/
http://vyrtuosa.giovani.it/
http://pilloledimoda.blogspot.com/
http://www.stefaniarocks.com/
http://www.barbielaura.com/
http://stylekingdom.com/teresa/
http://elisazampieri.eu/blog/
http://elivseli.splinder.com/
http://egoefilo.wordpress.com/
http://stilestilestile.blogspot.com/
http://dressupfor.blogspot.com/
http://itismartina.blogspot.com/
http://www.this-is-me-then.com/
http://penny-stylenotes.blogspot.com/
http://thescentofobsession.blogspot.com/
http://rano83.blogspot.com/
http://sardorialist.blogspot.com/
http://kireigirldamadrid.blogspot.com/
http://fashiondollshouse.blogspot.com/
http://nelmioangolino.wordpress.com/
http://del-autrecotedumiroir.blogspot.com/
http://www.modeinitaly.blogspot.com/
http://www.shopaholiche.com/
http://punkieshoes.blogspot.com/
http://ciambelleagogo.splinder.com/
http://lightstealerwear.blogspot.com/
http://ssshopaholic.blogspot.com/
http://thegirlwiththerednose.blogspot.com/
http://princesspam.iobloggo.com/


Certo per trovarlo dovrete andare un pò a ritroso nei post, ma che male c'è?! Può essere sempre utile, sia per avere qualche idea per noi, sia per scoprire che ci sono persone con la nostra stessa passione.
Perchè ho aspettato tanto a pubblicare questo post? Perchè mi sembrava giusto salutare la primavera con questa iniziate fresca e colorata, e ricordare la presenza dell'Italia nel mare magnum dei siti che parlano di sfilate, abiti e tanto altro.
Appuntamento al prossimo evento. Tema: il jeans, a cui saranno dedicati kilometri di post in questa primavera che tarda ad arrivare.


A Presto

M.M.


giovedì 18 marzo 2010

martedì 16 marzo 2010

Come tutti voi sapete domenica scorsa c'è stata la premiazione degli Oscar, la statuetta di peltro made in Chicago più ambita nel mondo del cinema. Ma è abbastanza ambito anche il red carpet e molti firmerebbero carte false per poterlo percorrere. Qui non si trovano solo le star più in vista, bensì anche una notevole vetrina in fatto di moda. Avevano già annunciato che sarebbe stato il tripudio di abiti lunghi e tessuti di qualità e così è stato. Devo dire che non mi hanno entusiasmata tantissimo, ma tutti presentavano, più o meno, delle qualità positive. Le eccezioni come sappiamo esistono sempre e in questi casi sono abbastanza soggettive. Non voglio martoriarvi con tutti gli abiti che sono passati, ma solo con alcuni:

secondo me i migliori (di quelli che ho visto)


I peggiori


Anche questo concorreva per i peggiori, ma diciamo che un poco si salva per il colore, ma sinceramente troppi fronzoli e troppo vistoso. E mi ricorda qualche mollusco marino.


Mi domando se qualche stilista ha deciso che accentuare e irrigidire le curve delle donne possa essere una nuova moda. Poi aumentare le curve di Jennifer Lopez..Non lo so, mi ricorda un pò una conchiglia, mentre il vestito della ragazza (sfilate di Parigi) mi ricorda un vaso di ferro, o un'armatura, o non so che altro.


Invece abito già noto è quello di Zoe Saldano, l'attrice di Avatar, che mi è capitato di vedere sul numero di Vogue prima degli oscar. E capisco anche perchè abbiano mostrato solo il sopra dell'abito, nascondendo il resto dietro lo sgabello del pianoforte. Tra parantesi: un servizio abbastanza disturbante, il ritratto di una madre che non vorresti mai avere, sofisticata, snob, eternamente insoddisfatta, che non mostra il minimo affetto ed è fredda come il ghiaccio. Mai capito perchè di tanto in tanto se ne escano con 'sti servizi fotografici.


Anche Sarah Jessica Parker ha fatto la sua bella figura, l'abito non male, ma la magrezza secondo me non aiuta a valorizzarlo. Inoltre, le mani..sono un incubo. L'eroina si Sex&theCity attenta alle ultime tendenza ha sfoggiato un trasferello di Chanel (i nuovi tatuaggi, che sono stati presentati per la prima volta alle scorse sfilate), ma per quanto carino o simpatico, così presentato non aiuta molto.


Comunque, questi Oscar sono stati all'insegna della sobrietà, senza nessun eccesso nè alcuna menzione particolare.

A Presto

M.M.

lunedì 15 marzo 2010



E' lunedì e comincia una nuova settimana. Di solito come si inizia la giornata?
Nei sogni con una bianca tovaglia stesa sul tavolo, una tazza di caffè, una brioche, frutta e succo d'arancia e un quotidiano ben aperto sulle pagine di cronaca (e la dolce metà che arriva e ti dà un bel bacio).
Nella realtà con un caffè, o anche senza colazione, una scarpa infilata e l'altra sotto il letto o non si sa perchè nell'armadio, la dolce metà che occupa il bagno per ore, la lettura delle mail e aggiornamenti in tempo reale sulle ultime notizie grazie ai quotidiano online (preferibilmente non più di 160 battute, grazie).

Due visioni identiche direi..
Qual è il primo sito o blog che una fashionvictim, o simil, italiana non si scorda mai di controllare (se non quotidianamente, di tanto in tanto)? Fashionblog.it, uno dei blog della piattaforma Blogo.it e che quotidianamente pubblica notizie inerenti al campo di interesse (in questo caso la moda, ma ci sono anche quelli di gossip, di design, di sport e tanto altro). Blog a più mani, nato nel 2005, è una via di mezzo tra il blog e il magazine online, con aggiornamenti continui e notizie quasi in tempo reale. Molto breve nei post, ma ricco di immagini e di spunti. E' gestito da persone serie e professionali, che hanno esperienza nella comunicazione e spesso nel campo della moda.
Questo blog è fantastico per avere spunti e come base per ulteriori ricerche.
Vi consiglio di fare una capatina quando capita. Il link lo aggiungo sulla colonna di destra che mi dovrò decidere a riempire.
L'altra volta abbiamo parlato di una piccola Blogger straniera oggi parliamo di un blog italiano.
Buona giornata a tutti e buon inizio di settimana.



A Presto

M.M.

sabato 13 marzo 2010


Vagando per la blogosfera, mi sono trovata ad osservare che da qualche mese a questa parte si fa affidamento ad accessori insoliti e stravaganti, per personalizzare i propri outfit e in alcuni casi per farsi proprio notare.


In particolare si nota una certa varietà per gli anelli. Io personalmente non li uso. Non riesco a farmeli piacere, anche se per me idealmente hanno un certo fascino. Ne sono attratta, li indosso, guardo la mia mano e..bleah! non mi piace.

Anni fa, in una calda estate, avevo letto su una rivista che gli uomini che portano anelli di solito sono soggetti con una forte creatività, una notevole personalità, egocentrici e non amano essere contrastati e giudicati, perchè ritengono di essere potenti. Infatti è da sempre noto che gli anelli, oltre ad essere ornamentali, hanno frequentemente avuto significati particolari e spesso erano il simbolo del potere o di una particolare condizione. Oggi si è perso questo significato, ma nell'immaginario collettivo gli anelli vengono ancora collegati a questi valori.

Io che non ne porto probabilmente sono una persona debole (mi tengo ben stretta la facoltà di dubitare di tale verità), ma al di là di questo penso che uno o due anelli vadano bene, ma quando si comincia a portarne 4-5 per ogni dito, allora lì lo trovo estremamente kitsch, anche perchè il troppo storpia e l'immagine delle mani ne è spesso indurita.


A Presto

M.M.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails